sabato 24 Febbraio 2024
spot_img
spot_img

Lef: la rottamazione sta salvando chi ha frodato il fisco con fatture per operazioni inesistenti – Il caso

Da “Il Fatto Quotidiano” Chiara Brusini

Alla faccia del duro contrasto alle frodi carosello grazie alla norma contro le partite Iva “apri e chiudi”. E della narrazione secondo cui il governo Meloni non avrebbe varato condoni ma solo misure “vantaggiose per lo Stato”. Ora c’è la controprova che, con la quarta edizione della rottamazione prevista dalla manovra per il 2023, l’esecutivo ha offerto un prezioso cadeau a chi ha frodato il fisco attraverso fatture per operazioni inesistenti.

A beneficiarne è stata, di recente, una società che aveva utilizzato quell’artificio per scalare dall’imponibile 4 milioni di euro facendo figurare a bilancio costi fittizi. Come ha raccontato la rivista online FiscoEquo.it, a fronte di una contestazione dell’Agenzia delle Entrate che li aveva multati per 1 milione di euro i titolari hanno impugnato e, arrivati alla Corte di Giustizia tributaria di secondo grado, ne sono usciti pagando quasi nulla. Nonostante, tra l’altro, avessero perso in primo grado.

 Il caso, certo non isolato, dimostra come l’ennesima rateizzazione – censurata dalla Corte dei Conti come le precedenti – sia tutt’altro che un buon modo per far recuperare risorse all’erario. Al contrario, in generale lo Stato ci perde e in alcune situazioni finisce per concedere un condono tombale agli evasori che, scoperti, se la cavano pagando pochi spiccioli.

Nella fattispecie, la società responsabile della frode carosello aveva ricevuto un atto di contestazione con cui l’ufficio delle Entrate, dopo un accertamento, contestava le operazioni oggettivamente inesistenti e applicava una sanzione amministrativa pari al 25% delle fatture d’acquisto per beni o servizi mai comprati. L’Agenzia delle Entrate Riscossione aveva poi iscritto a ruolo la multa non pagata. L’azienda aveva impugnato senza successo, poi per prendere tempo aveva proposto appello. È a quel punto che la prima legge di Bilancio firmata Giorgia Meloni ha offerto ai frodatori un ventaglio di possibili vie di uscita a partire dalla sanatoria delle liti pendenti, che avrebbe consentito di pagare solo il 40% della sanzione.

Di lì la possibilità di chiudere la pendenza col fisco senza pagare nulla se non le sole somme maturate a titolo di rimborso delle spese per le procedure esecutive e di notifica della cartella di pagamento. Qualche centinaia di euro e liberi tutti. Un precedente tanto più preoccupante se si pensa che frodi come questa contribuiscono a un’evasione Iva stimata in oltre 22 miliardi annui, in media, tra 2019 e 2021: il valore più alto in tutta la Ue, nonostante dal 2016 il trend si registri un costante calo grazie agli strumenti messi in campo nel frattempo.

Condoni e “paci fiscali” vanno nella direzione opposta.

Dello stesso autore

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here

Altro in Primo piano

Rubriche