Netflix non dichiara i redditi in Italia: procura di Milano apre un’inchiesta

99

La Procura di Milano ha aperto una inchiesta per omessa dichiarazione dei redditi nei confronti di Netflix, la società californiana che distribuisce via internet film e serie tv a pagamento. L’indagine, come scrive oggi in Corriere della Sera, è coordinata dal pm Gaetano Ruta e affidata ai militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziario della Guardia di Finanza e a differenza della altre inchieste fiscali milanesi che hanno riguardato Apple, Google o Facebook, al gruppo statunitense che offre la pay tv in streaming non si contesta la “stabile organizzazione” occultata al fisco. E questo perché, pur avendo una attività nel nostro Paese (ha 1,4 milioni di abbonati), non ha strutture e dipendenti (immobili, impianti e macchinari da cavi, fibre ottiche e computer) che partecipano in modo rilevante all’attività che invece viene svolta, in questo caso in Olanda, nella sede europea.

Secondo quanto scrive il Corriere l’indagine è stata affidata al sostituto procuratore Gaetano Ruta dal Procuratore capo Francesco Greco che, proprio due giorni fa durante un convegno della Cgil a Milano, ha invitato il governo ad intensificare la lotta all’evasione e al riciclaggio. A differenza delle precedenti inchieste fiscali milanesi che nel club degli Over the top (i giganti di internet) hanno riguardato Apple, Google, Facebook o Amazon e che, con quelle su altri grandi gruppi, hanno fatto incassare allo Stato italiano 5,6 miliardi di euro tra sanzioni e imposte, nel caso di Netflix non si parla di «stabile organizzazione» di persone occultata al fisco. Per il semplice motivo, come detto, che non c’è alcuna organizzazione «personale» che per essere individuata, come dice la legge, deve avere strutture e persone fisiche che partecipino in maniera rilevante agli affari, ad esempio con attività di promozione e di vendita, anche se i contratti vengono poi formalmente realizzati dalla società che risiede all’estero.

Secondo le indagini della Guardia di Finanza di Milano, i contenuti di intrattenimento che arrivano sui video in Italia partono dall’estero e vengono veicolati sul territorio nazionale attraverso le reti che sono gestite dagli internet provider che per questo vengono regolarmente retribuiti da Netflix. La stessa società con sede europea in Olanda può godere dell’uso esclusivo di server e computer che, oltre a processare i dati dei film, delle serie e della musica, elaborano gli algoritmi che producono le offerte e profilano gli utenti, in modo da offrire loro contenuti televisivi mirati solo a coloro che risiedono sul territorio italiano. Per questo motivo la Procura e le Fiamme Gialle hanno deciso di seguire il filone della «stabile organizzazione materiale» occulta, cioè quella struttura che la norma individua quando una azienda che risiede all’estero ha in Italia una «sede fissa di affari per mezzo della quale esercita in tutto o in parte la sua attività». Una sede, cioè, che deve essere intesa in senso fisico, con locali, immobili, impianti, macchinari e servizi che sono a disposizione dell’impresa e che, anche in questo caso, partecipano in maniera significativa e rilevante al business.

Cavi, fibre ottiche, computer, server e algoritmi, secondo gli investigatori, sono le strutture che nell’era della delocalizzazione internettiana hanno sostituito i vecchi opifici e gli strumenti di produzione e che farebbero rientrare Netflix nel concetto di «stabile materiale». Per garantire contenuti di elevatissima qualità, come la visione in Ultra Hd, il gruppo ha bisogno di potenti infrastrutture distribuite capillarmente sul territorio che si diramano dai due nodi principali di Roma e Milano. Questo sta decretando il suo successo tra il pubblico.

Secondo una stima fatta da Comparitech, dall’arrivo in Italia nel 2015 al 2018 Netflix (che comunica solo dati ufficiali relativi agli Usa e al resto del mondo nel suo complesso) ha raggiunto nella Penisola 1,4 milioni di abbonati con la prospettiva di toccare i due milioni entro la fine del 2019. L’Italia è arrivata più tardi nella diffusione della banda larga rispetto ai principali Paesi europei e per questo il suo mercato dei contenuti streaming cresce molto velocemente, addirittura del 46% nel 2018, rappresentando uno dei primi panorami europei su cui investire. Come fa Netflix che produce serie tv dedicate all’Italia come «La luna nera» o «Suburra». «È quello che viene definito il principio della prevalenza della sostanza sulla forma», spiega un investigatore che lavora al fascicolo aperto contro ignoti proprio perché non è stato possibile individuare un referente che lavori in Italia.

Intanto Netflix, in una nota, ha fatto sapere che «sta lavorando a stretto contatto con le autorità fiscali italiane. Paghiamo tutte le imposte dovute in Italia e in altri Paesi del mondo. Inoltre, Netflix investe milioni di euro in produzioni italiane, contribuendo così a creare posti di lavoro e a sostenere la comunità creativa locale».