Decreto fiscale: 13 provvedimenti attuativi in carico a Entrate e Monopoli

101

Sono almeno 13 i provvedimenti attuativi del decreto fiscale che dovranno essere emanati dalle Agenzie di competenza. Nello specifico 6 dovranno essere adottati dall’Agenzia delle entrate e 7 dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Quattro sono attesi fine anno. Il testo in alcuni casi fa riferimento a uno o più provvedimenti attuativi da adottare sulla stessa misura.

Ecco il dettaglio:

CREDITO D’IMPOSTA E-PAYMENT

Per gli esercenti arriva un credito d’imposta pari al 30% delle commissioni addebitate per le transazioni fatte con carte di pagamento. Gli operatori che mettono a disposizione degli esercenti i sistemi di pagamento elettronici trasmettono telematicamente all’Agenzia delle entrate le informazioni necessarie a controllare quanto spetta. Un provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, da emanare entro fine anno, definirà termini, modalità e contenuto di queste comunicazioni.

PREMI SPECIALI PER CASHLESS

All’interno della lotteria degli scontrini verranno istituiti premi speciali per consumatori ed esercenti che utilizzano strumenti di pagamento elettronici. A tali premi saranno destinati 45 milioni, assegnati mediante estrazioni aggiuntive. L’attuazione di tali premi è rinviata a un provvedimento del direttore dell’Agenzia dei monopoli, d’intesa con l’Agenzia delle entrate. Tale provvedimento era già previsto dal dl fisco dell’anno scorso, in sostituzione di un decreto ministeriale.

REGISTRO UNICO GIOCO PUBBLICO

Dal 2020 sarà istituito il registro unico degli operatori di gioco pubblico. Nella platea dei soggetti obbligati a iscriversi ci sono, tra gli altri, produttori, proprietari e concessionari. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia dei monopoli, potrà essere aggiunta ogni realtà che svolga continuativamente, per gli altri soggetti chiaramente definiti dal dl, attività funzionale o collegata alla raccolta del gioco. L’atto individuerà anche l’importo dell’iscrizione al registro.

CONTROLLI SU GIOCHI

Stanziati 100mila euro all’Agenzia dei Monopoli destinati a operazioni di gioco per controlli contro illegalità ed evasione fiscale nel settore. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia dei monopoli, sarà costituito il fondo e verranno disciplinate le disposizioni attuative e contabili per l’utilizzo. Le eventuali vincite dalle giocate effettuate per operazioni verranno riversate al fondo.

ACCISE

Si restringono i requisiti per i depositi dei prodotti energetici soggetti ad accisa. L’obbligo di denuncia e l’acquisizione della relativa licenza si applica anche ai depositi per uso privato, agricolo e industriale da 10 metri cubi (erano 25) e per i serbatoi da 5 metri cubi (erano 10) collegati gli apparecchi di distribuzione automatica di carburanti per usi privati, agricoli ed industriali. Gli operatori che gestiscono tali depositi dovranno munirsi di licenza fiscale e a tenere la contabilità con modalità semplificate da stabilire con determinazione del direttore dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli. Tale determinazione sarà adottata entro fine anno.

DOCUMENTO ACCOMPAGNAMENTO DOGANALE

Entro giugno 2020 scatterà l’obbligo di presentare esclusivamente in forma telematica il documento di accompagnamento doganale per la benzina e il gasolio usati come carburante e sottoposti ad accisa. Tempi e modalità saranno regolati entro fine anno con determinazione del Direttore dell’Agenzia delle dogane.

SISTEMA INFOIL

Entro fine giugno 2020 gli esercenti dei depositi fiscali di stoccaggio (con capacità non inferiore a 3mila metri cubi) dovranno dotarsi del Sistema INFOIL, un sistema informatizzato per la gestione della detenzione e della movimentazione della benzina e del gasolio usato come carburante. Con determinazione del Direttore dell’Agenzia delle dogane sono fissati tempi e modalità di esecuzione.

TRASMISSIONE TELEMATICA ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE

Le imprese distributrici di energia elettrica e gas naturale ai consumatori finali dovranno presentare esclusivamente in forma telematica i dati relativi ai prodotti trasportati. Le modalità saranno definite con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle dogane entro fine anno.

FRODI VEICOLI FISCALMENTE USATI

Affidato alla Agenzia delle Entrate un controllo preventivo sulla possibile esclusione dal versamento con F24 per l’immatricolazione o la voltura di autoveicoli, motoveicoli oggetto di acquisto intracomunitario a titolo oneroso. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate sono stabiliti i termini e le modalità di tale controllo.

MISURE FISCALI

Il decreto impedisce l’accollo del debito d’imposta altrui e il divieto di compensazione. Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate sono adottate le modalità tecniche per l’attuazione. Inoltre, contro le indebite compensazioni di crediti l’Agenzia delle entrate, Inps e Inail promuovono procedure di cooperazione rafforzata definite con provvedimenti adottati d’intesa dal direttore dell’Agenzia delle entrate e dai presidenti di Inps e Inail.

APPALTI

Il dl obbliga i committenti a versare le ritenute, senza ricorrere a compensazioni, in tutti i casi di affidamento di un’opera o un servizio. Per eseguire direttamente il versamento delle ritenute allegando una certificazione dei requisiti richiesti. Entro fine gennaio l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione delle imprese questa certificazione e un provvedimento del direttore dell’Agenzia ne disciplinerà le modalità per il rilascio e il riscontro. Per assicurare un tempestivo riscontro, altri provvedimenti, sempre dell’Agenzia, potranno definire modalità di trasmissione telematica, alternative alla pec, delle informazioni tra committente e imprese appaltatrici.