Otto milioni di arretrati, Dani Pedrosa finisce nella ‘lista nera’ del Fisco spagnolo

61

Il pilota della Honda compare nell’elenco dei grandi debitori del Fisco iberico: tra imposte e interessi deve quasi 8 milioni di euro.

Dani Pedrosa nei guai con il Fisco iberico. L’ufficio delle imposte spagnolo ha bussato alla porta del pilota Motogp per quasi 8 milioni di euro di tasse arretrate, interessi compresi. Lo spagnolo della Honda, secondo quanto riporta il sito ‘Autobild.es’, sarebbe finito nel mirino dei verificatori fiscali nell’ambito di un’operazione più vasta. Il suo nome compare nell’elenco contribuenti (persone fisiche e società) morosi che devono al Fisco più di un milione di euro. Pedrosa, che attualmente risiede in Svizzera, avrebbe accumulato con l’erario un debito di quasi 6 milioni di euro, lievitato ora a 7,8 con gli interessi maturati in questi anni.

Maxi-operazione. Come detto, quella nei confronti di Dani Pedrosa non è un’operazione isolata. Ma rientra in una strategia su vasta scala messa in piedi dal Fisco spagnolo per contrastare i fenomeni di evasione e frode fiscale. Lo scorso aprile infatti, il Consiglio dei ministri spagnolo ha approvato la riforma tributaria che, fra gli altri, ha previsto la pubblicazione di due ‘liste nere’ a partire dal 31 luglio 2015: la prima con i nominativi dei grandi debitori fiscali (sopra il milione di euro); la seconda con quelli degli evasori con condanna definitiva. Negli elenchi compaiono i nomi di 345 persone fisiche con un debito di circa 700 milioni di euro e 4.510 persone giuridiche per complessivi 14,9 miliardi tra evasione e frode.

Evasione in sella. Oltre a comparire nella lista nera stilata dall’erario iberico, Pedrosa va anche ad aggiungersi al già lungo elenco di piloti finiti nel mirino del Fisco: da Valentino Rossi a Marco Melandri passando per Capirossi e Max Biaggi, tutti finiti al centro di inchieste giudiziarie per presunte residenze fittizie. Nel caso dello spagnolo, che ha già dichiarato di voler trovare al più presto un accordo fiscale con le autorità, il problema è legato più semplicemente a tasse non versate.